Libri

“La bastarda della Carolina”

51p6znhqDkL._AC_US218_di Gabriele Ottaviani

Non c’è niente di più inutile al mondo di un fanatico religioso…

La bastarda della Carolina, Dorothy Allison, Minimum fax. Traduzione di Sara Bilotti. È oggettivamente un capolavoro. Senza se e senza ma. Perché la storia è potente. Le descrizioni sono accurate. La prosa è struggente. I personaggi sono caratterizzati nel dettaglio. È onesto col lettore. Dice la verità. Racconta la vita per quello che è. Fa vedere anche quello che gli ipocriti non vorrebbero che si vedesse, perché così possono mantenere intatta l’immagine intangibile della realtà irreale che dicono, si dicono e vogliono far credere che esista, e non per un comunque erroneo ma umanissimo sentimento di protezione dalle brutture del mondo, bensì per banalissima e miope spocchia. Dunque è un romanzo che, come ogni rivelazione, ha dato scandalo. Il motivo? Il solito. Ovvero l’idiozia umana. Che non ha limiti come l’universo, e su quest’ultimo ancora non è detta l’ultima parola. La madre dei cretini è sempre incinta, si sa, e quasi perennemente si tratta di parti gemellari. Qualche tempo dopo la sua uscita sugli scaffali ne fu infatti vietata la lettura in una scuola, proprio laddove invece è più importante che si legga una storia come questa, perché le coscienze in formazione sono quelle che renderanno il mondo migliore se hanno la possibilità di sapere contro quali mostri combattere. Fortunatamente c’è stato chi si è opposto. Tra i difensori di quest’opera che non si può non custodire come prezioso e caro regalo della letteratura ci furono anche Stephen King e la moglie Tabitha, che distribuirono copie del volume alle biblioteche del Maine perché potesse essere letto gratuitamente. South Carolina, anni Cinquanta: Dorothy Allison, che è nata nel millenovecentoquarantanove da una mamma nata nel millenovecentotrentacinque, racconta la storia di Bone. Ruth Anne Boatwright. Una bastarda. Figlia di NN. Dal padre ha ereditato solo un certificato in cui non la si riconosce. Il patrigno è un violento. Ma per fortuna c’è lei. La madre. Cui la lega un affetto che commuove al solo pensiero. Straordinario.

Standard

Una risposta a "“La bastarda della Carolina”"

  1. Pingback: “Trash” | Convenzionali

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...