Libri

“Una piccola fedeltà”

cop_piatto_Una_piccola_fedeltadi Gabriele Ottaviani

Mi avvicinai. Cercò di colpirmi, ma le fermai le mani. 

Una piccola fedeltà, Luca Saltini, Giunti. Viktor è violento. Ricattatore. Corrotto. Vende petrolio di stato. Nella Romania di Ceausescu. Un paese in cui ogni nefandezza possibile e immaginabile viene compiuta. E l’immaginazione del potere è per antonomasia sconfinata. Con lui collabora Augusto. Che lo sopporta perché gli sta facendo fare affari d’oro. Ma poi Augusto conosce Achilina. Giovane e bella. Che Viktor, sapendo di non poterla avere, vessa di continuo e perversamente, facendo leva sulla potentissima e tragica molla che spesso spinge all’umiliazione: il bisogno. Augusto comincia a meditare. Vuole salvarla. Ma… Scritto con classe e grazia, è un romanzo potente e niente affatto pretenzioso, un affresco nitidissimo e caratterizzato in ogni dettaglio della banalità del male che è nella natura umana, della solennità del dolore, della forza della speranza.

Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...