Libri

“La pattinatrice sul mare”

FOSCHI MCdi Gabriele Ottaviani

«Il questore è stato chiaro, devi metterti ai miei ordini, mi dispiace, ma non posso farci nulla», disse il Fighetto rivolgendosi al commissario, «però ho pensato che forse una soluzione c’è per continuare a lavorare insieme senza pestarci i piedi: ci dividiamo i compiti, io coordino la sicurezza sulla piattaforma e mi occupo di tenere a bada quei fanatici delle teste di cuoio. Se sei d’accordo, tu, Merlo e Checco Rossi portate avanti invece le attività investigative su delega mia, io non ho tempo e comunque da solo non potrei fare nulla. Hai carta bianca, spremi anche i tuoi uomini a Roma e cercate di scoprire chi vuole attaccarci». «È una parola» commentò Igor Attila. I servizi segreti avevano giocato sporco: dopo aver lanciato l’allarme, scaricando il problema sulla polizia, si erano chiamati fuori.

La pattinatrice sul mare, Paolo Foschi, Giulio Perrone. Claudine è una pattinatrice. Punta ad arrivare in Corea. A giocarsi una medaglia alle Olimpiadi. Gli sponsor la amano. Ha firmato un contratto davvero corposo. Che fa sì che lei si alleni su una pista di ghiaccio approntata per un reality a bordo di Sirio 82, una piattaforma petrolifera nel Canale di Sicilia di proprietà di un chiacchierato oligarca russo. Qualcuno però non vuole che veda la bandiera a cinque cerchi. Qualcuno la vuole morta. Chi? Per scoprirlo viene spedito in mezzo al mare Igor Attila, ex pugile medaglia d’argento alle Olimpiadi di Seoul del millenovecentoottantotto, quelli di Carl Lewis, per intenderci, tanto per dire un nome. E Attila non è un flagello, anzi. È il responsabile della Sezione Crimini Sportivi. È un poliziotto. È decisamente sui generis. Ha l’aiuto dell’infallibile Chiara, strepitosa criminologa. E un fiuto da segugio… Paolo Foschi dà alle stampe una nuova avventura del suo stropicciatissimo e irresistibile eroe, scritta in stato di grazia e congegnata come meglio non si potrebbe. Da non lasciarsi sfuggire affatto, e non solo per entrare già nel clima di Pyeongchang…

Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...