Libri

“Libertà di parola”

41+ye-wIAcLdi Gabriele Ottaviani

La pornografia è una forma d’arte?

Libertà di parola – Dieci principi per un mondo connesso, Timothy Garton Ash, Garzanti. Traduzione di Emilia Benghi e Stefania Cherchi. I diritti vanno espansi. Assurda è anche la semplice idea di una censura. Ma vanno anche ridefiniti. Perché l’assunto per cui la propria libertà finisce laddove inizia quella altrui oggi, nel nostro mondo ipertecnologico e iperconnesso, non pare essere più una linea guida sufficiente per porre un freno alle storture del mondo. Mai come in questo nostro tempo liquido la possibilità di esprimere la propria opinione, il più delle volte superflua, è globalmente accessibile con facilità, specie, com’è naturale che sia, in quelle zone in cui il benessere per come lo intendiamo tradizionalmente, calcolandolo in base alle opportunità materiali, è maggiore. E pertanto c’è anche maggiore libertà di insultare. Offendere. Vessare. Calunniare. L’argomento è importante e attuale, la prosa è bella: per conoscere, riflettere, imparare.

Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...