Libri

“Redenzione”

51NlI01BI7L._SY346_.jpgdi Gabriele Ottaviani

È scomparsa, Pete. Secondo me è stata… Non posso dirlo con certezza, ma non riesco a fare a meno di pensarci. Cristo, Pete. Ho bisogno che tu venga qui. Ti prego, vieni. Vieni.

Redenzione, Smith Henderson, Einaudi, traduzione di Paola Brusasco. L’ossessione è una creatura proteiforme, che si annida nella mente dell’uomo fino ad annebbiarla. Annullarla. Spegnerla. E ogni mente che ne è vittima reagisce a suo modo, ogni anima scivola sempre più verso il fondo di un pozzo che si fa sempre più buio un attimo dopo l’altro. Fino alla notte. Fino all’abisso. Fino al soffocamento, alla violenza. Jeremiah è un uomo che ha deciso di smettere di vivere. È ossessionato dall’apocalisse. Abita isolato nei boschi, nel mezzo del nulla delle valli del Montana, per immotivato terrore del mondo. Le conseguenze peggiori, però, le paga il figlio. Benjamin. Che è un bambino. E dimostra meno dell’età che ha. Perché è denutrito. Spaventato. Solo. Alla deriva. Pete Snow, un assistente sociale, un uomo che ha fatto tutti gli errori possibili e immaginabili, deve occuparsi di lui. Ma a un tratto… La cosa che sorprende maggiormente di questo romanzo è la scintillante maturità, trattandosi di un esordio potente come non se ne vedevano da parecchio tempo, la forza dei personaggi e della scrittura, la dirompenza del messaggio. Monumentale.

Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...