Libri

“Diario erotico di un cybernauta”

Cop_Diario erotico di un cybernauta2.jpgdi Gabriele Ottaviani

Cazzo. Non era uno scherzo. Guardai la sua foto sul profilo WhatsApp. Era una donna sulla cinquantina e non sembrava per nulla attraente. Che dovevo fare per sfuggire a quella trappola? Ciao Katy, guarda domani dovrei essere impegnato, perdonami. Cercai di divincolarmi in qualche modo. Marta mi ha parlato così tanto di te… io sarò a Milano solo per due giorni, non puoi fare un’eccezione? Ti prego! Dimmi quanto mi costi e io ti pago. Quanto gli costo? Mi stava veramente chiedendo il prezzo? Il mio prezzo. Sapevo quantificare economicamente una mia scultura, un quadro, ma il prezzo del mio corpo assolutamente no. Quanto valevo? Corsi in bagno e accesi la luce sopra allo specchio. Mi guardai. Avevo un fisico atletico, la barba incolta mi dava un fascino selvaggio. I miei folti capelli di un biondo scuro arricchivano il mio sex appeal. Eppure non riuscivo a darmi un prezzo. Mi tolsi le mutande per osservare lo strumento economico del momento. Avevo un corpo molto proporzionato, non potevo lamentarmi. Eppure continuavo a non quantificare il mio valore. Mi voltai verso il corridoio, Bartabas mi osservava perplesso. Non aveva tutti i torti. Una strana euforia mi pulsava improvvisamente nelle vene. Andai nel mio studio e accesi la musica. Disco anni Ottanta. Donna Summer. Fantastica. Alzai il volume e tornai in bagno. Cominciai a ballare davanti allo specchio, nudo. I miei movimenti erano sensuali, talvolta effemminati. Volevo valutare il mio grado di esibizionismo così per darmi un tono, per sentirmi bello, per sentirmi desiderato. Per quella che si prospettava come la mia prima vera avventura da gigolò.

Diario erotico di un cybernauta, Tommaso Agnese, L’Erudita. Per noia. Per dipendenza. Per curiosità. Perché non si ha altro modo per conoscere qualcuno. Perché le proprie reali preferenze sessuali non sono dichiarate. Per timidezza. Perché non si cerca nient’altro che non sia sesso occasionale. Perché non si è in grado di mettersi in gioco. Perché non si ha stima di sé. Per perdizione. Perché lo si trova divertente, eccitante. Perché se ne ha bisogno. Perché si vive male la propria sessualità. Perché non si ha contezza fino in fondo di sé. Perché si vuole arrotondare il proprio misero bilancio prostituendosi, dal vivo o attraverso lo schermo. Possono essere, e sono, tanti e vari i motivi: fatto sta che attraverso la rete può succedere più o meno di tutto. Riccardo, il protagonista del credibile, interessante, avvincente, realistico, ben congegnato romanzo di Tommaso Agnese, giovane romano regista e dottore in Storia e scienze della musica e dello spettacolo, manager del magazine Fabrique du cinema, sin da subito trovandosi a navigare inizia un vero e proprio viaggio, dal taglio spiccatamente cinematografico, dentro e fuori da Internet, un Bildungsroman sui generis che mescola sapientemente lirica e squallore. Da leggere.

Standard

2 risposte a "“Diario erotico di un cybernauta”"

  1. Pingback: In uscita Diario erotico di un cybernauta – Book Media Events

  2. Pingback: Tommaso Agnese e il cybernauta… | Convenzionali

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...