Libri

“Venere e Marte”

downloaddi Gabriele Ottaviani

La critica si è divisa sul punto della relazione erotica tra le due divinità, nel senso che non c’è unanimità sul fatto che esse siano reduci dalla consumazione di un rapporto amoroso…

Botticelli – Venere e Marte – Parodia di un adulterio nella Firenze di Lorenzo il Magnifico, Marco Paoli, ETS. Venere e Marte di Alessandro di Mariano di Vanni Filipepi, meglio noto col nome di Sandro Botticelli (appellativo ricavato, pare, da un nomignolo affibbiato al fratello Giovanni, di professione sensale, e poi esteso ai familiari), vissuto tra il millequattrocentoquarantacinque e il millecinquecentodieci per lo più a Firenze, non è certo l’opera più celebre dell’artista, ma certo, oltre a essere pregevolissima e splendida, ha comunque avuto una interessante fortuna critica. Soprattutto perché è prevalentemente interpretata alla luce della filosofia, come una sorta di manifesto della superiorità neoplatonica dell’amore sulla violenza e sulla barbarie. Perché allora però Botticelli introduce tutte quelle varianti rispetto all’iconografia classica (le più marchiane: Venere è vestita e sveglia, Marte pressoché nudo e dormiente)? Paoli, attraverso una prosa ricca di suggestioni e gravida di riferimenti, dottissima, assai curata ed estremamente accattivante, propone un altro, interessantissimo, punto di vista, addirittura satirico e canzonatorio, al di là delle implicazioni morali e finanche astrologiche… Da leggere.

Annunci
Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...