Libri

“L’altro lato del mondo”

41zrKoyPaLL._SX315_BO1,204,203,200_.jpgdi Gabriele Ottaviani

Le carte di Marta mi bruciavano tra le mani. Le rimisi a posto, in modo che non si capisse che avevo violato l’intimità che custodivano. Tornai a casa con un peso sull’anima. Temiamo Dio perché esiste. Temiamo ancor di più il demonio perché non esiste. Sul momento, quel che mi faceva più paura non era né Dio né il demonio. Mi preoccupava la reazione di Silvestre Vitalício quando gli avrei detto che, nella stanza della portoghese, non avevo trovato nient’altro che un bel po’ di lettere d’amore. All’entrata dell’accampamento, mio padre mi aspettava, le mani sui fianchi, la voce carica d’ansia.

L’altro lato del mondo, Mia Couto, Sellerio, traduzione di Vincenzo Barca. Certe sorprese possono essere talmente forti da far finanche scoppiare in lacrime. Immaginate per esempio di essere un ragazzino che è cresciuto in un non-luogo, una sorta di montagna del paradiso terrestre che si è capovolta in una speculare voragine infernale, dove la sua famiglia, o quel che ne rimane, tutta rigorosamente al maschile (la mamma non c’è più), si è asserragliata per difendersi da una realtà che genera un dolore intollerabile al solo pensiero. E di ritrovarsi per la prima volta dinnanzi agli occhi una donna. Dunque esiste un altrove, vi verrà da pensare. Ma come cercare di evadere?… Il potere magnetico, miracoloso e salvifico della letteratura è qui declinato nei mille scintillii di una prosa articolata e seducente, in cui ogni aspetto e ogni personaggio sono caratterizzati con assoluta maestria: un romanzo che fa bene all’anima.

Annunci
Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...