Libri

“L’antiriva”

59-S-difelicedi Gabriele Ottaviani

Quella notte stretta tra le dita

eri ramo chinato

alla foglia del cuore,

io, gemma assetata, convessa

alla linfa, all’essenza promessa.

 

Noi! Noi esuli in terre

di frontiera: contrabbandieri

d’emozioni, al buio.

L’antiriva, Valeria Di Felice, Di Felice. È la natura, materna e ruvida, difficile a comprendersi del tutto, misteriosa e a tratti impenetrabile, il lessico familiare di Valeria Di Felice, che procede per antinomie, proponendo al suo lettore l’infinita bellezza del possibile. Pur mantenendosi nel solco di una classicità feconda, la sua poesia rifiuta l’omologazione, la banalità, la corrività: lirica, elegiaca, dolente, tragica e al tempo stesso tenerissima, mai doma, mai rassegnata all’inevitabile, esprime con forza l’eventualità di un altrove nel quale trovare pace per le proprie aspirazioni. La condizione umana, fragilissima, qui è affrontata con sensibilità, e leggendo si ritrova l’universalità partecipe che ci rende fratelli sulla terra.

Annunci
Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...