Libri

“Storie di matti”

41592pLVcML.jpgdi Gabriele Ottaviani

Se sei di Roma, di New York, di Porto San Giorgio, di Matera o di Dubai non te lo spieghi. Se sei di qualunque altro posto e non di Voghera e ci capiti, te lo chiedi. Non trovi il motivo per cui Voghera sia stata pensata, fondata e costruita se non per essere un enorme autogrill, un crocevia di scambi commerciali che un po’ se ne frega di come stiano i suoi cittadini, perché tutto è avvenuto per caso. Non si può nascere e morire a Voghera. Occorre andarsene, bisogna salvarsi dagli hangar delle fabbriche di valvole, dai laboratori di cemento, dalle palazzine finto liberty, dalle signore col filo di perle e dai pettegolezzi. Voghera è lì da chissà quanti anni, con gli snodi mercantili nel sangue, con Genova che la usa da sempre come magazzino e con lo sguardo servile su Milano, pronto ad accontentarla in qualsiasi suo prurito. Certa gente di Voghera ha un bisogno senza controllo di dimostrare il proprio benessere attraverso oggetti e abitudini che nelle altre città sono superati e vetusti da anni. Eppure Voghera ha un guscio che poche città conservano, un sottosuolo che non immagineresti mai.

Storie di matti, Arianna Porcelli Safonov, Fazi. Qual è il modo più immediato per porre termine a una discussione, per rifiutare il vero e proprio dialogo, per respingere una persona che non ci piace, per parlarne male, per mettere in guardia qualcuno a cui teniamo dal frequentarla? Darle della matta. Perché la pazzia spaventa. Definisce in maniera incontrovertibile. Emette una sentenza inappellabile. È qualcosa di ingestibile. È comoda per chi la usa come improperio, scomoda per chi la vive. Eppure i matti, o cosiddetti e presunti tali, sono tra noi. Siamo noi. E ogni contesto, ogni luogo, ogni città ha il suo. E Arianna Porcelli Safonov li ritrae. In maniera ferocissima. E altrettanto gustosa. Da non lasciarsi sfuggire.

Annunci
Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...