giffoni 2017

Clara Alonso a Giffoni

Giffoni Film Festival - Clara AlonsoPubblicazione a cura della redazione del comunicato stampa

Giffoni è un posto unico. Non vedevo l’ora di tornarci!”: Clara Alonso coinvolge col suo entusiasmo il già caldissimo pubblico dei giurati del Giffoni 2017, in fibrillazione per incontrarla. “La prima volta che sono venuta qui ero quasi ‘in incognito’, ma mi ha subito colpito per la sua energia. Quando mi è arrivato l’invito ho detto solo una parola: ‘Quando?'” racconta l’attrice italo-argentina che ha conquistato i telespettatori italiani con il ruolo di Angela Saramego in Violetta. “È stata una grandissima sfida: a 21 anni mi sono ritrovata a interpretare il ruolo di una donna molto più grande di me. Ho avuto paura, ho pensato di non essere all’altezza, ma sono andata avanti. Violetta è stato un viaggio lungo, bellissimo ed elettrizzante. Ho imparato tanto”. Con un bagaglio già così ricco, Clara si è poi avvicinata al cinema: “Tra due settimane inizierò a girare un nuovo film proprio qui in Italia, ma non posso dire di più. Solo che sono felicissima di farlo, anche perché mi dà un’occasione per tornare nel vostro meraviglioso Paese che sento molto vicino alla mia Argentina: avverto la stessa passione, lo stesso modo di affrontare i problemi e quell’ospitalità che mi fa sentire davvero a casa”.

Non è da meno l’accoglienza giffonese: “Questo è un luogo magico perché permette a voi, o meglio a noi ragazzi di fare domande e questo vuol dire avere la possibilità di conoscere, di esplorare e di crescere”. Di domande ne avrebbe da fare tante anche lei, confessa la Alonso, che sogna, come i ragazzi in sala, di conoscere i suoi idoli. Tra loro c’è Julianne Moore, ospite del Festival proprio nel suo stesso giorno: “Se la incontrassi credo che morirei. È una delle attrici cui mi ispiro” rivela con la spontaneità che la rende tanto amata dal pubblico. Se avesse una bacchetta magica la userebbe però per sparire le ingiustizie “e mi sa che di magia me ne servirebbe parecchia”, commenta neanche tanto scherzando. Ingiusti sono stati senza dubbio gli episodi di bullismo vissuti a scuola: “Mi prendevano in giro perché ero una secchiona, ma mi son detta che non potevo stare male per quel che dicevano persone senza valori e senza uno scopo nella vita”. L’applauso dei ragazzi in sala ha il sapore della liberazione.

Clara, invece, uno scopo ce l’ha ed è chiaro, recitare: “È la cosa che amo e che mi appassiona di più. Essere un’attrice mi permette di vivere tante storie, di viaggiare, di conoscere. Non avrei mai immaginato un giorno di essere qui. Da piccola non pensavo neanche che cantare, ballare, recitare fossero un lavoro. Pensate, sognavo di fare la professoressa… ” e in fondo con il ruolo di Angie ci è riuscita. In tanti vorrebbero seguire le sue orme: “I miei consigli? Divertitevi, appassionatevi, studiate e rischiate. I sogni bisogna andarseli a prendere, non aspettare che si realizzino restando seduti sul divano”. I giurati del Giffoni il loro sogno lo stanno già inseguendo nei nove giorni di questa ricca 47esima edizione del GFF.

Annunci
Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...