Libri

“Il commesso viaggiatore”

51T-2oZye1L._SY346_.jpgdi Gabriele Ottaviani

E rieccoci al punto cruciale: perché qualcuno dovrebbe voler uccidere Felix?

Il commesso viaggiatore, Arnaldur Indriđason, Guanda, traduzione a cura di Alessandro Storti. No, non è Miller, anche se il commesso viaggiatore c’è, e la morte pure. Nel luglio del millenovecentoquarantuno infatti la storia ci insegna che la responsabilità per la difesa dell’Islanda, dopo un periodo di controllo portato avanti dalle truppe britanniche, passò direttamente alle forze armate statunitensi: ed è proprio durante questo protettorato che viene rinvenuto in un appartamento della capitale il cadavere di un commesso viaggiatore. Ucciso da un proiettile americano. Deturpato sulla fronte da una svastica disegnata col sangue… Il ritmo è strepitoso, la qualità di scrittura davvero elevata, le immagini vivide, i dialoghi serrati e credibili, la ricostruzione storica e non solo decisamente accurata: un giallo come si deve, intrigante e coinvolgente.

Annunci
Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...