Libri

“Le religioni e il male”

download.jpegdi Gabriele Ottaviani

In primo luogo – come dice il Talmud – il più grande peccato è far peccare gli altri. «Far peccare un altro, è peggio che ucciderlo; perché uccidere una persona è solo allontanarla da questo mondo, ma farla peccare è escluderla dal Mondo Avvenire».

Le religioni e il male, Gino Battaglia, Il canneto. L’essere umano da sempre tende a porsi delle domande. Perché non si accontenta di quel che appare, vuole conoscere, vuole sapere, vuole capire, vuole approfondire. E spesso per rispondere agli interrogativi esistenziali si rivolge al trascendente, all’immateriale, dà corpo alla fede, alla religione. Decide di credere, per indagare e penetrare il mistero dell’ignoto, per renderlo meno incomprensibile, più accettabile. Ma la religione, o meglio, le religioni, ora come ora, nella nostra società, riescono ancora a rispondere alle grandi domande umane, a proporre una visione del mondo e delle cose? O sono più che altro utilizzate da chi è male intenzionato per dividere, anziché unire? Con stile semplice e dotto Battaglia dà corpo a un saggio importante e prezioso.

Annunci
Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...