Libri

“La strada verso est”

download (3).jpegdi Gabriele Ottaviani

Lemkin fece di tutto per farsi ingaggiare. Venerdì 18 maggio venne presentato ad Alderman, ex studente della Duke University, il quale disse a Lemkin (che riteneva erroneamente tedesco) che Axis Rule era un’opera «esaustiva» e «molto interessante» e che poteva servire come «testo di riferimento» per il gruppo di Jackson. Parlando di come il «genocidio» potesse essere usato nel processo, Alderman capì che Lemkin era «molto orgoglioso» di aver coniato il termine.

La strada verso est, Philippe Sands, Guanda. Traduzione a cura di Isabella C. Blum. Raccontato da tanta letteratura e non solo, si pensi soltanto al magnifico Vincitori e vinti, film del millenovecentosessantuno di Stanley Kramer riuscitissimo sotto ogni punto di vista, e caratterizzato da un cast a dir poco eccezionale (Spencer Tracy, Burt Lancaster, Richard Widmark, Marlene Dietrich, Maximilian Schell, Judy Garland, Montgomery Clift, Alan Baxter e tanti altri), il processo di Norimberga ha incarnato – e incarna ancora oggi – la risposta del diritto alla domanda che dolorosamente si poneva in merito all’arte la scuola di Francoforte, ossia se fosse possibile, dopo la Shoah, continuare a vivere. Non solo si può, ma si deve, certo non dimenticando mai, perché la memoria è fondamentale testimonianza, e chi non rammenta è costretto a rivivere, bensì, anzi, esistendo per raccontare, per impegnarsi, perché l’orrore non avvenga più: il processo di Norimberga ha posto le basi, a livello globale, di fatto per la concezione stessa, come la intendiamo oggi, dei diritti umani. E la strada verso est è quella che Philippe Sands percorre, fisicamente e spiritualmente, verso le sue radici, radici che raccontano di un genocidio, quello degli ebrei. Chi salva una vita salva un mondo intero, recita un detto proverbiale col quale è difficile non essere d’accordo: Sands attraversa la morte per celebrare la vita, squarcia il silenzio, fatto di pudore, angoscia, paura, desiderio di rimozione, di dimenticanza, per superare l’intollerabile, e dà voce alla storia.

Annunci
Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...