Libri

“Don Lorenzo Milani”

Cover.Don Lorenzo Milani.S.Proniewicz.Ill. S. Fabris.Il pozzo di Giacobbe.Collana Ilpiccolo greggedi Gabriele Ottaviani

Forse non tutti sanno che Lorenzo Carlo Domenico Milani Comparetti è il nome completo di colui che ricordiamo più brevemente come don Milani. Lorenzo nacque a Firenze una domenica, il 27 maggio 1923, in una colta famiglia borghese. Il papà si chiamava Albano ed era medico. La mamma, Alice Weiss, si occupava della famiglia e dei figli. I due si erano sposati nel 1919 con rito civile e non avevano battezzato i figli perché Alice era ebrea. Lorenzo, come il fratello maggiore, Adriano, e la sorella più piccola, Elena, nacque in casa. A quel tempo solo i bambini delle famiglie povere nascevano in ospedale. Lorenzo fu un bambino fortunatissimo perché la sua era una famiglia benestante al punto da possedere tre case: una grande palazzina a Firenze, una piccola villa in campagna e una casa sul mare. A quell’epoca in tutta la città di Firenze ci saranno state non più di quindici auto: chi ne possedeva una era ricco. Papà Milani ne aveva due.

Don Lorenzo Milani, testi di Sylwia Proniewicz, illustrazioni di Silvia Fabris, Il pozzo di Giacobbe – Collana Il piccolo gregge – Piccoli semi. Don Lorenzo Milani è una delle personalità più straordinarie che non solo la storia della Chiesa, ma anche quella del nostro Paese abbiano mai avuto la grande fortuna di conoscere. Papa Francesco, pochissimi giorni fa, si è soffermato a lungo sulla sua tomba, in forma strettamente privata. E si è augurato che il prete che lui ha chiamato esemplare ma che in realtà di fatto a Barbiana è finito esule perché troppo scomodo ricambi dall’alto dei cieli questo gesto d’amore, di fede, di speranza, di carità, di condivisione, pregando per lui. Don Milani, di cui fra quattro giorni ricorre il cinquantesimo anniversario della sua morte, avvenuta a soli quarantaquattro anni, è un modello di impegno religioso, etico, morale, umano, cristiano, laico, civile, di ascolto degli ultimi, di accoglienza per la comunità: il suo messaggio non può rischiare di cadere nell’oblio. E bisogna conoscerlo sin da bambini. Come propone questo testo bellissimo, semplice, chiaro, creato con cura e amore. Da non perdere.

Annunci
Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...