Libri

“Atlas obscura”

download (10).jpegdi Gabriele Ottaviani

Un edificio in pietra con finiture azzurre ospita ora gran parte dell’eredità di Wilhelm Reich, lo psicanalista che credeva che l’energia orgasmica potesse influire sul meteo. Reich iniziò la sua carriera nel 1919, a fianco di Freud a Vienna. Influenzato dalle teorie sulla libido, divenne ossessionato da ciò che chiamava “potenza orgastica”: la scarica liberatoria di energia durante l’orgasmo. Secondo Reich, tutte le nevrosi (e perfino malattie come il cancro) erano conseguenza dell’inibizione dell’energia sessuale. Il lavoro di Reich negli anni Venti e Trenta fu anticonvenzionale: la sua tecnica psicoterapeutica detta “vegetoterapia” prevedeva che i pazienti con addosso la sola biancheria intima venissero massaggiati in modo che la loro corazza corporea si allentasse, finché non si mettevano a gridare o vomitare. Poi, durante degli esperimenti di bioelettricità, Reich collegava i pazienti con dei cavi a un oscillografo e osservava i cambiamenti bioelettrici nel loro corpo mentre si relazionavano sessualmente con un’altra persona. Due settimane prima dello scoppio della Seconda guerra mondiale, Reich emigrò a New York, dove rese nota la sua scoperta dell’orgone, una forza vitale libidinosa onnipresente, responsabile della gravità, di fenomeni meteorologici, emozioni e salute. Costruì accumulatori di orgone: cabine di legno in cui un soggetto sedeva nudo per assorbire energia orgonica. Dieci anni dopo, convinto che l’accumulo atmosferico di radiazione orgonica causasse siccità, Reich progettò un acchiappanuvole. La macchina consisteva di una fila di tubi rivolti verso il cielo, collegati a pompe immerse nell’acqua. Reich era convinto che l’energia orgonica sarebbe stata risucchiata dal cielo, provocando la pioggia. A metà degli anni Cinquanta rivolse la sua attenzione agli UFO, che a suo parere spruzzavano radiazione orgonica sulla Terra per distruggerla. Si recò in Arizona con il figlio, dove usarono gli acchiappanuvole come pistole spaziali, puntandoli verso gli UFO per prosciugare la loro energia. Reich attirò l’attenzione della FDA, la Food and Drug Administration, che ottenne contro di lui un’ingiunzione per impedirgli di spedire accumulatori fuori dal Maine, dove abitava. Quando uno dei soci di Reich violò l’ingiunzione, la FDA ordinò la distruzione degli accumulatori, degli opuscoli e dei libri dello psicanalista. Reich fu condannato a due anni di carcere. Otto mesi più tardi morì di infarto nella sua cella. Il museo di Orgonon, nel Maine, dove Reich aveva il suo laboratorio, espone l’attrezzatura usata nei suoi eccentrici esperimenti, oltre agli accumulatori di orgone, oggetti personali ed edizioni originali di pubblicazioni che erano state bruciate dalla FDA. All’esterno, una breve passeggiata nei boschi conduce a un acchiappanuvole, che punta dritto sulla tomba di Reich.

Atlas Obscura – Guida alle meraviglie nascoste del mondo, Joshua Foer, Dylan Thuras, Ella Morton, Mondadori. Traduzione di Teresa Albanese, Gloria Cecchini, Francesca Mastruzzo. Mappe di Scott MacNeill. Illustrazioni di Sophie Nicolay. Gran Bretagna, Irlanda, Europa occidentale, Europa orientale, Scandinavia, Medio oriente, Asia centromeridionale, Asia orientale, Sud-Est asiatico, Nordafrica, Africa occidentale, Africa centrale, Africa orientale, Africa meridionale, Madagascar, Seychelles, Sant’Elena, Ascensione e Tristan de Cunha, Australia, Nuova Zelanda, Isole del Pacifico, Canada, USA, America latina, Caraibi e finanche l’Antartide. Insomma, il giro del mondo. In meno di ottanta giorni, ma in molte più pagine. Si legge avidamente questa enciclopedia – dalla grande qualità letteraria – delle curiosità che il globo cela e insieme disvela agli occhi di un viaggiatore consapevole, informato, di qualcuno che voglia diventare altro da sé, crescere, imparare, capire, comprendere, conoscere, come è e dev’essere del resto nello spirito del vero viaggiatore, quand’anche fosse solo, per impossibilità, una peregrinazione con la fantasia. Una guida semplicemente indispensabile.

Annunci
Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...