Libri

“La strada del ritorno è sempre più corta”

51nAJLxK+gL._SX333_BO1,204,203,200_.jpgdi Gabriele Ottaviani

Pareva davvero che si parlassero da due mondi distanti.

La strada del ritorno è sempre più corta, Valentina Farinaccio, Mondadori. È un luogo comune, una frase formulare, un’impressione che si ha ogni volta che si torna da un viaggio, che si porta a termine un percorso, quale che sia, perché ormai ciò che doveva essere fatto è stato compiuto, e quindi si è pacificati, e il tempo, che scorre sempre nello stesso modo, ma che è anche di volta in volta differente, perché certi momenti sembra che non finiscano mai e altri ci paiono scivolarci via dalle mani come sabbia fra le dita: la strada del ritorno è sempre più corta. Per Vera però il ritorno è un punto di partenza: deve tornare per capire, per sapere, per conoscere, per imparare dove tutto è cominciato. Deve tornare, ora che a trent’anni e che fa oroscopi sul piccolo schermo, dove è praticamente una diva, prendendosela soprattutto con i malcapitati scorpioni, che condividono il segno zodiacale col suo ex, alla sua infanzia, all’ultima estate trascorsa col padre Giordano. Lei è cresciuta senza, la madre le ha ovattato la vita di oblio per proteggerla: ma poi le capita di ricevere uno scritto di suo padre, redatto nei suoi ultimi giorni di vita, senza finale, e allora… Scritto semplicemente in stato di grazia, arriva dritto al cuore.

Annunci
Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...