Libri

“Il sentiero degli eroi”

51+4aK3dGZL._SX308_BO1,204,203,200_.jpgdi Gabriele Ottaviani

Il regime non permetteva certo che i disfattisti avessero voce e i giornali parlassero. Mi ricordo le imprese di allora del fascismo: due campionati mondiali di calcio vinti. Quello era l’importante per il regime. Alla fine del liceo affrontai un concorso durissimo per entrare nell’esercito: cinquemila concorrenti per cinquantasei posti. Lo superai per il rotto della cuffia qualificandomi cinquantatreesimo. Poi, nel bel mezzo dell’Accademia di Artiglieria e Genio di Torino, le lezioni vennero sospese per l’entrata in guerra dell’Italia. Alla domanda su dove preferivo essere destinato io risposi l’Africa. Quando arrivai a Tripoli, venni destinato alla divisione Pavia schierata sul confine tunisino. Poi, passato qualche mese, fui mandato al fronte russo. Dal sole infuocato alle steppe gelate. Bel cambio di destinazione, eh, Maggiore? Così, a neanche ventisette anni, sono partito al comando di una batteria con centocinquanta uomini e ho quella tragica esperienza in Russia. Non si immagina neanche, Maggiore.

Il sentiero degli eroi, Marco Albino Ferrari, Rizzoli. La brigata partigiana Gramsci guidata dal comandante Bruno è di stanza sulle Dolomiti bellunesi nell’agosto del millenovecentoquarantaquattro. Lì la raggiunge, recando seco un bel gruzzoletto atto a finanziarne le attività, Bill Tilman, un esploratore di chiara fama, un britannico dall’aplomb esemplare che sa muoversi con impressionante souplesse nelle situazioni più complicate: e certo verrebbe proprio da dire che restare bloccati per giorni a causa del maltempo in alta montagna mentre tutto intorno i nazisti ti accerchiano possa essere a buon diritto definita una situazione complicata. Ossia l’habitat ideale per uno come lui… La vicenda non era particolarmente nota, finché Ferrari (Segni sul calcare, Frêney 1961, Il vuoto alle spalle, Terraferma, Dolomiti, rocce e fantasmi, In viaggio sulle Alpi, La sposa dell’aria, Alpi segrete, La via del lupo, Le prime albe del mondo, Montecristo) non l’ha riportata a galla con il suo solito ottimo stile, mai noioso, mai banale, sempre brillante, accattivante, avvincente, stimolante, vibrante e appassionante: da non lasciarsi sfuggire.

Annunci
Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...