Libri

“La piena”

412VgVYbplL._SX349_BO1,204,203,200_.jpgdi Gabriele Ottaviani

Come siamo arrivati a questo punto?

Andrea Cisi, La piena, Minimum fax. È inevitabile. In effetti si comincia a farlo sin dal primo giorno della vita, ma di norma il processo non è caratterizzato in tutte le sue fasi dalla consapevolezza necessaria: così succede che certe volte avvenga nostro malgrado. Ma il tempo non si ferma, l’invecchiamento è inesorabile, ineluttabile il concetto stesso della crescita, del divenire adulti. Arriva un momento preciso che non si può rimandare: è il tempo della soglia, della linea d’ombra da attraversare. Diventare grandi non è una questione anagrafica, è una questione di responsabilità: proprio quelle da cui si tiene lungi, arrivando passo dopo passo sempre più vicino alla percezione dell’alienazione, il protagonista di questo bellissimo, intimo, lirico, doloroso, credibile, struggente romanzo, Umberto. Che ha trent’anni, fa l’operaio e ha una famiglia. Una moglie. Un figlio che è sempre meno bambino ogni giorno che passa. Un gatto che sa comunicare telepaticamente (personaggio geniale che dà una connotazione straordinaria al testo). Con stile pieno di colori Cisi declina con misura, onestà e bravura tutta la gamma delle emozioni.

Annunci
Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...