Libri

“Un bene al mondo”

download (2)di Gabriele Ottaviani

Per molto tempo il dolore non si fece vedere, ma non abbandonò mai il suo padrone. Perché se è vero che il bambino non poteva vivere senza il suo dolore, era vero anche l’inverso: senza il bambino il dolore era un’ombra che girava per strada. I camion non rallentavano né gli suonavano mentre sfrecciavano verso il confine. I bambini non lo prendevano in giro, le bambine non avevano carezze per lui. Per questo, e nonostante ciò che era successo, il dolore non avrebbe mai lasciato il bambino. Lo seguiva da lontano quando lo vedeva camminare in paese, e ogni sera dormiva sotto il suo balcone.

Un bene al mondo, Andrea Bajani, Einaudi. In lizza per il premio Comisso. Il paese è sotto al monte. Vicino al monte c’è il confine. In mezzo passa il treno. C’è il passaggio a livello, metà cittadina sta al di qua, l’altra mezza è al di là. Le strade sono poche, le case pure. In mezzo ce n’è una. Dentro c’è una famiglia. Un papà e una mamma. Che, come tutti, per la prole sognano il meglio. Sognano che stia meglio di loro. Che sia felice, più di loro. Che sappia il valore delle cose, ma che non debba faticare troppo per ottenere quel che desidera. Che non gli capiti mai nulla. Che non soffra mai. E invece questo bambino per compagno ha il dolore. Ma c’è anche chi lo aiuta, una bambina sottile. Che sta al di là del passaggio a livello, e si prende cura di lui. Una fiabesca, tenerissima, potentissima storia d’amore, declinata in base a tutte le accezioni di questa parola così semplice e insieme così difficile: un romanzo travolgente da non lasciarsi sfuggire.

Annunci
Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...