Cinema, Intervista

Maria Eugenia Cadeddu: tutto parte dalle parole

I MIGRATI di francesco paolucci 1di Gabriele Ottaviani

Convenzionali ha il grande piacere di intervistare Maria Eugenia Cadeddu, ricercatrice del CNR e responsabile del progetto Remix, rassegna alla seconda edizione (Roma, cinema Kino, 24-26 maggio).

Remix, seconda edizione: qual è il bilancio della prima e quali sono le novità?

Il bilancio della prima edizione di Remix è stato indubbiamente positivo, sia per la partecipazione di registi e ricercatori CNR sia per il numero di persone che hanno assistito alle proiezioni e agli incontri e sono stati inoltre favorevoli i riscontri sui media.

L’edizione del 2017 presenta la medesima tipologia di programma dell’anno scorso e l’unica novità riguarda gli ospiti della “parte scientifica”, se così si può dire. Il 26 maggio, infatti, primo giorno della rassegna, all’incontro con il regista Francesco Paolucci parteciperà Daniela Di Capua, Direttore del Servizio Centrale SPRAR (Sistema per Richiedenti Asilo e Rifugiati). Il documentario I Migrati di Paolucci è in parte ambientato in alcuni centri SPRAR dell’Italia centrale, sarà utile spiegare come funzionano e qual è la loro interazione con il territorio. Tutte le info sulle proiezioni e gli incontri al link www.ilkino.it.

Qual è il modo più appropriato per parlare di migrazioni?

Il modo più appropriato per parlare di qualsiasi argomento parte dall’utilizzo di un vocabolario appropriato.

Anche nell’ambito delle migrazioni è importante conoscere significati e valenze dei termini utilizzati, spesso collegati a precisi status giuridici delle persone.

Qual è la principale valenza sociale dell’arte?

Non ho competenze per rispondere sul ruolo sociale dell’arte, certamente le immagini giocano un ruolo significativo nella comunicazione dei fenomeni migratori e possono influenzare giudizi ed emozioni.

Qual è l’obiettivo di questa edizione?

L’obiettivo di Remix è riflettere – e far riflettere – su un fenomeno complesso, non limitato agli sbarchi nel Mediterraneo, che riguarda ciascuno di noi. Non si può ignorare, non si può eliminare.

Annunci
Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...