Cinema

“Sicilian ghost story”

SicilianGhostStory_di_FabioGrassadonia_and_AntonioPiazza_Julia_Jedlikowska_©Giulia_Parlato75-340x160.jpgdi Gabriele Ottaviani

Sicilian ghost story. Attualmente a Cannes, nella Semaine de la Critique, di cui apre il cartellone. Sicilia, anni Novanta. Luna fa la terza media. È innamorata del suo compagno di classe Giuseppe, che spesso vede triste. È il figlio di un pentito di mafia. E un giorno scompare nel nulla, come un fantasma. Tutti di fatto, nel suo paesino omertoso, fanno finta di nulla. Tranne lei. Che non si dà pace. Che nessuno capisce davvero. Che gli ha scritto una lettera d’amore tenerissima. La sola cosa che a quel povero fanciullo sarà di conforto. Dedicato a Giuseppe Di Matteo, sequestrato dai mafiosi, imprigionato per settecentosettantanove giorni in condizioni inumane, strozzato e saponificato, sciolto nell’acido, sulla cui vicenda si fonda, l’empatico film di Grassadonia e Piazza ha un’importanza etica enorme e splendidi accenti lirici, ma i centoventi minuti sono un’esagerazione, e soprattutto la recitazione è purtroppo largamente insufficiente. In particolare quella dell’attrice che interpreta la mamma della sognante Luna, a voler essere gentili, sfortunatamente, a dir poco pessima.

Annunci
Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...