fumetti, Intervista

Alessandro Bilotta e la curiosità

downloaddi Gabriele Ottaviani

Alessandro Bilotta ha scritto il soggetto e la sceneggiatura di Mercurio Loi, e per noi di Convenzionali è un grande piacere intervistarlo.

Che cosa rappresenta la storia per lei?

Un manuale di istruzioni per gli uomini e le loro azioni.

Il suo protagonista ha forse un unico vero superpotere: la sua intelligenza, una spiccata capacità deduttiva. Quanto è importare saper guardare la realtà andando oltre le apparenze per affrontare ciò che sembra misterioso?

Il misterioso non perderà mai la propria natura. Saper guardare la realtà può permetterci di darne un’interpretazione che noi ci illudiamo quanto più vicina al vero.

Anche lei, come il suo protagonista, è guidato da un’innata curiosità?

Ossessiva. Non c’è altra scintilla propulsiva per inventare le storie.

Cos’è per lei il fumetto?

La più antica, più naturale e ancora embrionale forma di espressione degli esseri umani.

Come si fa a far amalgamare al meglio parole e immagini?

Considerandoli unità di misura di un racconto come le note e il tempo sono della musica.

Quali sono i suoi prossimi progetti?

La serie mensile di Mercurio Loi e la serie annuale del Pianeta dei Morti di Dylan Dog.

Qual è la storia che vorrebbe raccontare?

Vorrei raccontare la stupidità umana, ammesso che non sia un pretesto per sentirmene escluso.

Annunci
Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...