Cinema

“Sette minuti dopo la mezzanotte”

Settedi Gabriele Ottaviani

Sette minuti dopo la mezzanotte. In sala a partire dal diciotto di maggio. Conor è un bambino inglese troppo adulto per i suoi dodici anni, vittima di bullismo e con un grande talento per il disegno, l’unica cosa che pare dargli gioia e pace e consentirgli di liberare un po’ la sua anima oppressa dal dolore. Ha una nonna burbera. Suo nonno non c’è più. Il padre è in America con una nuova famiglia. La mamma ha il cancro. E non sembra che le cure funzionino. Sette minuti dopo la mezzanotte, una volta, mentre è ancora sveglio, seduto alla scrivania, con fogli e matite, viene a fargli visita un mostro, che ha le sembianze di un tasso, l’albero amico che dalla finestra vede stagliarsi sul dolente panorama che osserva da casa, una maestosa conifera che è insieme letale e salvifica, visto che il principio attivo che rende assai tossiche molte delle sue parti è anche alla base di diversi prodotti chemioterapici. Si scrolla dal terreno, lo raggiunge, ha occhi fiammeggianti e comincia da quel momento ad accompagnarlo nel percorso che sta affrontando, raccontandogli, dickensianamente, tre storie. Perché sarà Conor a dover riferire al tasso la quarta, non il contrario, sarà Conor a dover dire la verità, sarà Conor, che si aspetta sempre punizioni che non arrivano, perché non avrebbero senso, a dover ammettere che… Vincitore di nove premi Goya su una dozzina di candidature, tratto dal romanzo – che si è aggiudicato addirittura la Carnegie Medal – di Patrick Ness, pure sceneggiatore della pellicola, il film di Juan Antonio Bayona, con Lewis MacDougall, Liam Neeson, Geraldine Chaplin, Felicity Jones, James Melville, Toby Kebbell e una sensazionale Sigourney Weaver, è, da ogni punto di vista, semplicemente perfetto, un incanto emotivamente devastante a cui non si può, né si deve, rinunciare. Un film che fa bene all’anima.

Annunci
Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...