Libri

“Non solo Putin”

download (2).jpegdi Gabriele Ottaviani

Nel gergo politico americano “conventional wisdom” o opinione corrente può significare anche distorsione storica. È distorsione storica sostenere, come si fa negli Usa, che nei negoziati sulla riunificazione della Germania non figurò l’allargamento della Nato.

Non solo Putin – Da Gorbaciov a Putin, da Reagan a Trump – I retroscena dei complicati rapporti America – Russia dagli anni ’80 ad oggi: la nuova guerra fredda, Ennio Caretto, Biblioteca dei leoni. Un uomo in canottiera e mutande stava dipanando con una mano un gomitolo di nastro perforato da telescrivente mentre con l’altra reggeva un panino imbottito. Lo riconobbi subito. Era Ennio Caretto, l’incarnazione di quel “corrispondente dall’estero” che apparteneva di diritto alla grande mitologia del giornalismo. La frase è celebre, ed è di Vittorio Zucconi, altro giornalista di indubbio spessore che qui descrive uno dei suoi più illustri colleghi. Con un’immagine che vale molto più di mille parole, e che fa capire tutto, un po’ come, cambiando quel che dev’essere cambiato, le foto di Oriana Fallaci che imperterrita batte a macchina sotto le bombe in Vietnam, tanto per dire, e tenendo per giunta in bocca una sigaretta accesa, del personaggio di cui si sta parlando. Un uomo che si è fatto espellere dall’URSS perché non rispettava la censura, per esempio. Ennio Caretto ricostruisce e racconta con piglio formidabile e asciuttezza invidiabile la storia e tutto ciò che alla base della nostra contemporaneità, per quel che concerne la politica estera e la contrapposizione tra due Weltanschauung in antitesi l’una all’altra: anche se la guerra fredda propriamente detta è finita da decenni, infatti, gli USA e la Russia da tempo sono comunque su fronti opposti, e continuano a contrastarsi reciprocamente, avvalendosi pure delle tecnologie più moderne. Tutto questo, però, non nasce dal nulla: da Reagan, un tempo falco, improvvisamente si scopre colomba, vuole il disarmo nucleare, ma poi lancia lo scudo spaziale, Gorbaciov, l’uomo della trasparenza e della perestrojka, si trova a dover affrontare un colpo di stato, Bush padre, mentre cerca di salvarlo, si va a impelagare nella guerra del golfo, e poi Clinton amplia la Nato, cosa che Putin, il delfino di Eltsin, e decisamente lontano da quell’ideale di terza via che associava l’ex governatore dell’Arkansas al laburista Blair, ancora gli rimprovera, fino a Trump e alle incognite della sua presidenza appena iniziata. Dotto e insieme divulgativo, di forte impatto e limpida impronta comunicativa, è un testo profondo e rilevante.

Annunci
Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...