Cinema

“Qualcosa di troppo”

Qualcosa di troppo Audrey Dana foto dal film 2_bigdi Gabriele Ottaviani

Jeanne è una trentottenne che vive nella capitale francese, ha progettato una scuola al cento per cento ecosostenibile, ha due figli e il marito l’ha appena lasciata per un’altra. Teme i temporali e pensa che per avere rispetto sia necessario il pene. Così una mattina si sveglia e se lo ritrova fra le gambe. Qualcosa di troppo, in sala dall’undici di maggio, è di – e con, insieme a Christian Clavier, Eric Elmosnino, Alice Balidi, Antoine Gouy e Joséphine Drai, pur bravi – Audrey Dana. Ricordate 11 donne a Parigi? Quel lungometraggio in cui la cosa più elegante erano le gocce di sangue mestruale che, come petali rossi, veleggiavano sulla Senna, quel film dalle tinte fluo, in cui Isabelle Adjani, classe millenovecentocinquantacinque, interpretava una trentacinquenne in menopausa precoce, Laetitia Casta una ragazza timida che quando si emozionava emetteva maree di peti, per la fanciulla di origine araba in cerca di emancipazione non si era trovato nome migliore di Ysis e non esisteva un argomento dello scibile che non fosse trattato con pressapochismo e offensiva volgarità? Ecco. È suo. Ma ad Audrey Dana va riconosciuto un merito straordinario. Qui, battendo sui medesimi tasti, riesce persino a fare peggio. Davvero, così è troppo. E sarebbe facile definirlo con una parola che significa “scempiaggine” e che ha la stessa radice di un lemma che serve a chiamare in modo triviale il principale ammennicolo virile, ma questa pellicola non vale nemmeno che si cada così in basso da scendere al suo livello.

Annunci
Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...