eventi

Cecilia Pagliarani: quel che vuol dire famiglia

festival gusto della memoria 2017 Dia 092di Gabriele Ottaviani

È la direttrice artistica del festival di cinema vintage Il gusto della memoria, che quest’anno ha per tema la famiglia: Convenzionali intervista Cecilia Pagliarani.

 

Perché il tema della famiglia per questa edizione? Che cosa rappresenta per lei la famiglia? E nella memoria collettiva? Esistono tanti tipi di famiglia, il che è anche il motivo per cui l’argomento è sovente al centro del dibattito politico, sociale, culturale, in merito ai diritti civili e non solo: ma cosa hanno in comune tutte le famiglie? Che valore rivestono a suo avviso nella storia di un Paese – nella fattispecie in quella italiana – le storie familiari? Memorialistico, documentario, di ammortizzazione sociale, di specchio delle dinamiche generali anche nel particolare?

Per me la famiglia è un nucleo di persone che si amano, si rispettano, abitano per degli anni insieme conservando per tutta la vita un valore importante di questa convivenza. Tante polemiche in Italia ha suscitato la discussione sui matrimoni omosessuali, sulle adozioni, sulle famiglie monoparentali. Cosa hanno da dire i nuovi intellettuali? Come le raccontano? Abbiamo voluto questo tema proprio per confrontarci con le idee dei giovani registi, spesso studenti di cinema, nell’età in cui si comincia pensare a “farsi una famiglia” spero veramente che ci  raccontino il loro sogno di famiglia. Famiglie con geometrie nuove e piene di amore. Famiglie che i  ministeri ignorano, famiglie migliori di quelle che ci raccontano, anche famiglie perse, anche quelle disastrate. La sfida è di farlo con le immagini delle famiglie degli altri. Perché abbiamo voluto questo strano miscuglio? Perché, forse, anche se le geometrie cambiano, l’aria in famiglia resta la stessa, le risate i compleanni i ceffoni, gli alberi di Natale. Chissà come ci racconteranno queste famiglie de Ventunesimo secolo con le immagini di quelle della prima metà del Ventesimo. Questa è la sfida. Tutte le info sul bando della nostra quinta edizione le trovate al link http://www.ilgustodellamemoria.it

Cosa si augura per questa edizione del festival?

Quello che mi auguro a tutte le edizioni: che film siano belli, che venga molto pubblico e che le istituzioni comincino ad apprezzare questo lavoro laboratoriale che facciamo.

Annunci
Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...