Cinema

“La natura delle cose”

La-natura04Pubblicazione a cura della redazione del comunicato stampa

La Natura delle Cose di Laura Viezzoli, realizzato in un anno di incontri e dialoghi tra l’autrice e il filosofo ed ex sacerdote malato terminale di SLA Angelo Santagostino,  è uno dei cinque documentari finalisti al Doc/it Professional Award 2017, il premio istituito da Doc/it – Associazione Documentaristi italiani per eleggere il miglior documentario dell’anno attraverso una votazione che coinvolge un’Academy di tutti i professionisti del settore.

Il film, prodotto da Ladoc con il sostegno di Marche Film   Commission – Fondazione Marche Cultura Milano Film Network, è finalista nella principale categoria PREMIO REGIA – MIGLIOR DOCUMENTARIO DELL’ANNO del valore di € 1.000,00. A questa, si aggiungono altre due nomination per il PREMIO AAMOD – Archivio Audiovisivo del Movimento Operaio e Democratico e il PREMIO MONTAGGIO del valore di € 500,00.

Presentato al Festival di Locarno e vincitore, tra gli altri, del prestigioso premio Corso Salani al Triestefilm festival, il film esplora un tema di grande attualità: l’ascolto del malato, spesso poco rispettato, tra il vivibile e l’invivibile.

L’immobilità del corpo è solo un punto di partenza per esplorare la lucida e vivacissima mobilità della mente. Cornice visiva e metaforica di questa esplorazione è lo Spazio. Una dimensione potente e affascinante, che permette di vedere oltre l’esteriore immobilità della malattia  e di toccare la bellezza interiore del protagonista.

La vita astronauta diventa trasposizione visiva delle inquietudini e delle continue trasforma- zioni che un corpo malato di Sla deve imparare ad affrontare, un repertorio ricco di suggestioni. L’intento filosofico è quello di far dialogare le contraddizioni del progresso, facendo toccare e stridere la malattia che paralizza, con la dolcezza del corpo in assenza di gravità. Missioni estreme, parallele e speculari. Si tratta in entrambi i casi di persone, e corpi, la cui vita è resa possibile esclusivamente dalla tecnologia. Se da una parte però questa spinge a superare se stessi, a volare, a realizzare un sogno, dall’altra, per Angelo, diventa infine gabbia da cui scappare.

Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...