Libri

“Lo sguardo di Odo”

012978889342HIG_23_227X349_exact.JPGdi Gabriele Ottaviani

La triste verità è che non esistono morti naturali, nonostante ciò che dicono i dottori. Ogni morte è percepita da qualcuno come un omicidio, o come la vita tolta ingiustamente a una persona amata. E anche noi, pure i più fortunati, incontreremo almeno un assassino nella nostra vita: il nostro. È il nostro destino. Viviamo tutti un libro giallo in cui noi siamo la vittima.

Lo sguardo di Odo, Yann Martel, Frassinelli, traduzione di Stefano Tettamanti e Isabella Ragazzi. Il realismo magico è un filone che da tempo caratterizza un certo tipo di produzione letteraria, artistica, cinematografica: si basa su elementi sovrannaturali intuiti ma mai spiegati, accettati dai personaggi che, sia pur talvolta con qualche difficoltà, acconsentono ad abbandonarsi alla sospensione del senso e della logica così come comunemente ognuno di noi li conosce, e che procede attraverso l’assenza della classica temporalità, una sensorialità pànica, un’inversione sovversiva di causa ed effetto, allegoria della ribellione nei confronti, per esempio, della protervia di certa politica, e di conseguenza un rifugio per l’arte e il suo artefice, la bellezza e l’incanto. Yann Martel ha scritto Vita di Pi, che ha ispirato un grandioso film, e questa nuova potentissima opera sembra seguire le orme di quella precedente e succitata: la ricerca di uno strordinario manufatto che potrebbe rivoluzionare il concetto stesso di natura e il rapporto che gli uomini hanno con essa passa attraverso tre vite dissimili quanto più non si possa nel contesto incredibilmente suggestivo di un Portogallo che galleggia sulla trama come una ninfea sull’acqua, personaggio vividissimo, molto più che sfondo, connotato essenziale per un racconto caratterizzato con estrema puntualità che conduce il lettore per mano nella vicenda di Tomás e dei suoi “compagni d’avventura” attraverso la Storia e la cognizione del dolore. Da non perdere.

Annunci
Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...