Libri

“Il prigioniero felice”

7706792.jpgdi Gabriele Ottaviani

Erano tutti troppo occupati a cercare di salire da John e a tentare di impedirselo a vicenda.

Il prigioniero felice, Monica Dickens, Elliot, traduzione di Claudio Mapelli. Oliver è immobilizzato. Ha perso la gamba in guerra. Ora che è tornato a casa la normalità è scomparsa, e al tempo stesso lui, nella sua nuova condizione, è diventato il fulcro della famiglia. O forse sarebbe meglio dire il parafulmine di tutte le nevrosi delle sorelle, del fratellastro, della madre, persino della ex. Arrivano, gli rovesciano addosso i problemi, lui dà consigli e combina disastri. Immobile, muove: e le pedine del domino cadono fragorosamente. Si preoccupano di lui, dicono, ma in realtà si occupano solo di sé medesimi. Lui, invece, si preoccupa per gli altri e trascura sé: fortunatamente, però, c’è qualcuno che lo tiene nel cuore… Frizzante, divertente, pieno di colori come un bouquet di primavera, è uno spaccato di vita familiare e collettiva nel contesto della Storia che fa capolino tra le righe, rumore di fondo che diviene sinfonia, in cui le dinamiche delle relazioni umane sono tratteggiate con limpidezza formidabile.

Annunci
Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...