Libri

“Mapocho”

9788895492445_0_0_300_80.jpgdi Gabriele Ottaviani

La morte è una menzogna e non c’è scampo. Il punto zero. L’asse della giostra.

Mapocho, Nona Fernández, Gran vía, traduzione a cura di Stefania Marinoni. Rifugge ogni definizione, ogni tentativo di essere ingabbiata in una determinazione univoca e inequivocabile la scrittura di Nona Fernández: perché tale è la passione che possiede, e che riesce a trasmettere con eccezionale lucidità, per la letteratura, per il racconto, per le storie, per la loro capacità di lasciare segni indelebili nell’animo di chi ne viene a conoscenza, che si concede il lusso di giocare con le parole. Di creare con sapienza moderna e insieme ancestrale il suo inconfondibile linguaggio, che appare al tempo stesso unico e classico: il suo respiro è talmente ampio che comprende il livello del reale e quello del sogno. In questo modo, articolatissimo, impervio ma ammaliante e irresistibile, dà corpo all’immaginazione, le fornisce una dimensione tangibile e sensuale. La Bionda risponde al telefono. Un’azione di tale quotidianità che non andrebbe nemmeno sottolineata. Se non fosse che all’altro capo c’è l’Indio. Suo fratello. Amatissimo. Che la induce a tornare a Santiago. La Bionda ha lasciato il Cile da anni, si è lasciata alle spalle la dittatura per una spiaggia del Mediterraneo, e ora che rientra non riconosce quasi più nulla. Se non un fiume lercio, il Mapocho, che si dipana come un gomitolo tra il mondo dei vivi e l’eredità di quello dei morti, dei perseguitati, dei dimenticati, ed è l’inchiostro della ricostruzione del lato oscuro e soffocato dalla propaganda della storia di un paese che è stato martoriato dalla violenza politica. Imprescindibile.

Annunci
Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...