Libri

“Le ragazze con il pallino della matematica”

9788899797348_0_0_300_80.jpgdi Gabriele Ottaviani

Mi ispira chi non molla, chi guarda sempre avanti, chi ha il coraggio di cadere e rialzarsi…

Le ragazze con il pallino della matematica, Chiara Burberi e Luisa Pronzato, Libromania. Il talento è una dote naturale che segue delle leggi che si manifestano il più delle volte come almeno in parte insondabili, è qualcosa di molto vicino alla fantomatica e famigerata ispirazione poetica, che ti coglie come il fulmine dell’amore, improvvisa, quando meno te l’aspetti, e dà un senso a parole che prima d’allora avevano come sola utilità l’imbrattamento della carta. Sì, certo, è vero: ci sono attività per le quali si è più portati e altre azioni che invece nonostante l’impegno e gli sforzi ci riescono meno bene. Vero, verissimo, è così per tutti, è normale e per l’appunto naturale. Ma il talento può anche essere coltivato. Si alimenta di passione. E non è facile avere le idee chiare sin da subito: crescendo i gusti cambiano, certe caratteristiche si affinano, certe cose che prima non piacevano o non venivano bene d’un tratto diventano importanti nella vita e nella costruzione stessa dell’identità. Bisogna sapersi orientare, come nel bosco con la bussola. I dati ci dicono da anni che le materie scientifiche (le cosiddette STEM, per cui esiste anche una piattaforma di didattica digitale, redooc.com, punto di partenza di questo libro per cui chi l’ha curato si è spesso trovato a conversare con le persone del loro rapporto con la matematica davanti al primo caffè della giornata) in Italia non sono tra le prime scelte dei ragazzi e soprattutto delle ragazze che si avvicinano, dopo gli anni della scuola superiore, all’istruzione universitaria, e non solo perché, come tutta la cultura nel nostro paese, sono piuttosto bistrattate: forse il problema sta anche in un difetto di comunicazione, in un luogo comune legato a una presunta difficoltà, all’opinione erronea che si tratti di discipline poco pratiche. Questo libro raccoglie una messe impressionante e densa di interviste a grandissime personalità del mondo scientifico, accademico, imprenditoriale e non solo (Daniela Molinari, Dina Ravera, invitata a continuare a studiare dopo il diploma di ragioneria a pieni voti nientedimeno che da Marisa Bellisario in persona, Roberta Cocco, Francesca Rizzi, Matilde Padovano, Fabiana Lanotte, Irene Enriques, Roberta Berlinghieri, Marina Brogi, Cristina Nunez, Lucia Bonanni, Elena Favilli, Carla Milani…), ognuna delle quali è arrivata attraverso una sua personalissima strada alla meta, e suona come un importante sprone soprattutto per i più giovani, affinché non si lascino abbattere dalle difficoltà – crescere significa incontrarne sempre, di continuo, ogni volta maggiori – e abbiano fiducia nel fatto che, con costanza e volontà, riusciranno a ottenere il successo che desidereranno. Brillante, gustoso, lieve ma non superficiale, intelligente, ben scritto e costruito. Da leggere.

Annunci
Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...