Libri

“Nel segno dei padri”

9788831726252_0_0_300_80.jpgdi Gabriele Ottaviani

Egregio dottor Peter,

chi scrive è Guglielmina Roncigli, figlia di Vittorio, fucilato per rappresaglia assieme ad altre 39 persone il 22 giugno 1944.

Nel segno dei padri – La storia di Guglielmina e Peter, Giacomo Marinelli Andreoli, Marsilio. A Gubbio, nel millenovecentoquarantaquattro, come in molte, moltissime, troppe parti d’Italia avviene una strage. Una rappresaglia. Siamo in tempo di guerra, del resto. La Wehrmacht fa fuori quaranta civili, fucilati. I GAP hanno infatti ammazzato Kurt Staudacher, un ufficiale medico. È il fatto di sangue più terribile in tempo di guerra, e a essa inevitabilmente e incontrovertibilmente connesso, in tutto il territorio dell’Umbria, regione che forse nell’immaginario collettivo, quantomeno per un certo periodo di tempo e all’interno di alcune fasce di persone, è stata lungamente considerata come una sorta di isola felice dove al massimo i peggiori crimini che possono verificarsi sono quelli che vengono risolti da Don Matteo. Guglielmina di cognome fa Roncigli. Suo padre era Vittorio. Uno dei civili sterminati. Peter è figlio di Kurt. Il medico ucciso. Si incontrano da settantenni. Per caso. Per destino, nemesi e catarsi della storia. Si scrivono. Dialogano. Condividono le ferite, guardano avanti. Una storia semplice, intensa, vibrante, emozionante, commovente, dolorosa, imbevuta di speranza e descritta con una misura che sorprende in maniera molto più che positiva.

Annunci
Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...