Cinema

“Valzer”

valzerdi Gabriele Ottaviani

Italia, duemilatrentotto. Sono due donne. Vivono in campagna. Si amano. Sono entrambe in stato interessante. Una delle due ha un padre che non vuole più parlarle, e una madre che si sente in dovere di chiamarla ogni tanto al telefono, ma niente di più. Inizia così Valzer (la scelta del titolo è perfetta: il valzer infatti è una danza popolare di coppia in tre tempi che può variare movimento, dall’allegro al moderato, e già riflettendo su questa definizione si possono cogliere molti aspetti fondamentali del significato dell’opera), presentato ieri in anteprima al Napoli film festival, un cortometraggio di singolare pregio, nuova intensa opera di Giulio Mastromauro e Alessandro Porzio, autori pluripremiati che partendo dalla base di un soggetto dirigono e sceneggiano, con mano assai sicura e grande armonia. Realizzato con il contributo dei comuni di Molfetta, Rovegno e Fontanigorda, è una storia di grande impatto emotivo raccontata con una rara e profonda delicatezza che si manifesta evidente in ogni caratteristica della costruzione filmica, che rende eloquenti anche i silenzi: la sceneggiatura, appunto, in prima e più immediata battuta, ma anche l’ambientazione, il montaggio (a cura di Daniel Buwok e Janus Kovalsky), la splendida fotografia di Sandro Chessa, l’ottima colonna sonora originale di Stefano Ottomano. E una particolare nota di merito va agli interpreti Giacomo Visentini, Carla Carfagna e soprattutto Kristin Suchow e Virginia Gherardini, misurate, credibili, bellissime: in una parola formidabili. Fossero tutti così i cast dei film… Da non perdere.

Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...