Libri

“Ti ho trovato tra le pagine di un libro”

Ti-ho-trovato-tra-le-pagine-di-un-libro-cover.jpgdi Gabriele Ottaviani

L’amore è la risposta.

Gina si chiama ancora Georgina a nove anni quando le muore la mamma. La mattina l’ha accompagnata a scuola. Il pomeriggio già non c’era più. È impensabile da credere per i compagni, figuriamoci per lei. Resta da sola, col padre. Con cui non è che vada granché d’accordo. Cresce, passa il tempo, scorrono i decenni, e lei trova delle lettere. In francese. Senza mittente. Indirizzate a Paulina. La mamma. Di cui non ricorda quasi nulla. Una mamma che nel millenovecentoottantuno, per quattro giorni, è stata a Parigi, per il matrimonio della cugina. E ha conosciuto un uomo. E poi c’è un biglietto da visita. Sul retro, una scritta. Chiamami. E Gina inizia a viaggiare per librerie, per ritrovare la madre. Per ritrovarsi. Ti ho trovato tra le pagine di un libro, di Xavier Bosch, Sperling & Kupfer (traduzione a cura di Paola Olivieri), è una straordinaria storia, cinematografica come forse solo I ponti di Madison county, scritta con impressionante eleganza in cui si riesce a declinare l’amore in tutti i suoi aspetti.

Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...