Libri

“Non è successo niente”

9788886780506.jpgdi Gabriele Ottaviani

Il tragitto normale dura diverse ore ma non è mai normale, stando a quel che ci si ricorda riandando indietro con la memoria; forse è la nozione di norma, a conti fatti, che bisognerebbe rivedere, bisognerebbe rispolverarla, aprirla una volta per tutte ai venti, ai rischi della vita, alle sorprese dei viaggi, guasti, problemi, impedimenti, allora sarebbe considerato normale tutto ciò che esula dall’ordinario, tutto ciò che perturba il corso degli eventi, e che si impone a noi con malizia o violenza: un incontro, un incdente, un malinteso.

È in  Svizzera. Vive lì. È già in ritardo. Ha appena il tempo di prendere un maglione e uno spazzolino da denti. Corre al treno. Lui è in Italia. Nel sud. È malato. È morente. È suo padre. Lei è Dora. Il viaggio inizia. Ma poi si interrompe. Un’altra morte. Un incidente. Un imprevisto. Un ulteriore mutamento. Un incontro. Con Francesco. Un altro uomo. Mai visto. Né conosciuto. Prima di allora. E una decisione. Impensabile. Fino a poco prima. Cambia tutto. Ma forse in realtà… Non è successo niente. Di Sylvie Neeman Romascano, pubblicato dalla Luciana Tufani, traduzione e cura dell’edizione di Monica Pavani. Un romanzo breve e folgorante. Scritto con una prosa che si fa anche lirica, non solo per l’utilizzo dell’anafora, della ripetizione, del continuo insistere e replicarsi degli incipit dei capoversi, che come in un perfetto sincrono esplicito riproducono il movimento del treno e la palpitante e costante vibrazione interiore della protagonista, voce limpida e prima, incide col bulino la superficie delle false sovrastrutture presenti, in maggiore o minore misura, nell’animo di ognuno.

Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...