Libri

“L’uomo del futuro”

l-uomo-del-futurodi Gabriele Ottaviani

Torni a riflettere sul vecchio mito novecentesco: l’uguaglianza delle posizioni di partenza. Mao o non Mao, è rimasto tutto irrisolto: Romoletto, il tuo studente peggiore, se fosse nato a Firenze, in via Principe Eugenio, invece che nei palazzi del Serpentone, a Corviale, una borgata romana, sarebbe uno dei migliori: si vede da come organizza la frase. Continua a commettere errori ortografici, sbaglia i congiuntivi, dispone di un lessico limitato, ma quel senso plastico della sintassi che, nonostante ciò, sfoggia nel tema, non gliel’hai insegnato tu. È una dote genetica, come il dribbling nel calcio. Gli occhi azzurri del neonato. Se Romoletto avesse potuto svilupparla, avrebbe avuto a sua disposizione uno strumento inventivo di prim’ordine.

Maestri. Nei villaggi di fango e paglia. Dove i muri sono loro. Muri contro l’ignoranza. La violenza. La sopraffazione. Il rapimento, che di quegli scolari fa soldati. Teppisti. Che non hanno altro modo per esprimersi, mentre il loro mondo crolla. Adolescenti, che vibrano di istinti e passioni. Italiani. A Ellis Island. Con buona pace di chi pensa che nascere in un luogo anziché in un altro sia una scelta. Quando con la valigia di cartone ci andavamo in giro noi. Quando le malattie le esportavamo noi. Quando la mafia la trasmettevamo noi, al di là dell’oceano, come una epidemia. Perché sempre a chi migra, milioni di onesti, si mescola il bandito, sempre si unisce il delinquente nella folla dei bravi, approfittandone. Suore, in Cina e in India, in mezzo ai poveri che più poveri non si può. Bambini ladruncoli per morire un po’ meno di fame. Renitenti alla leva. Ragazzi di Hiroshima. Preti. Figli della nostra società, epigoni della sua lezione, gente che l’ha dimenticata. La sua lezione. La lezione dell’uomo del futuro. Don Lorenzo Milani. Un uomo. Un sacerdote. Un intellettuale. Un educatore. Un eroe civile. Uno che il messaggio di Cristo lo aveva capito davvero, eccome. Non aveva settecento metri quadri di attico, per dire. Nominato a ogni piè sospinto in vita e in morte. Per lo più a sproposito. Tirato per la giacchetta. O meglio per la tonaca. Una stella cometa. Eraldo Affinati ne ripercorre, è proprio il caso di dirlo, la vita e le opere, l’eredità, ne ricostruisce il messaggio, ne tratteggia la figura con colori vivacissimi, tinte perfette, delicatezza e incisività, lirica e spirito di cronaca, tra Firenze, Milano, dove Lorenzo tentò di farsi pittore, Montespertoli, Castiglioncello, San Donato di Calenzano e Barbiana, quel luogo il cui solo pensiero ancora commuove. L’uomo del futuro, Eraldo Affinati, Mondadori, è imprescindibile.

Standard

3 risposte a "“L’uomo del futuro”"

  1. Pingback: Premio Strega 2016 – La longlist | Convenzionali

  2. Pingback: Strega – I magnifici 12 | Convenzionali

  3. Pingback: Strega 2016 – La cinquina e lo Strega giovani | Convenzionali

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...