Cinema

“Natale col boss”

Di-Capri2di Gabriele Ottaviani

Due poliziotti che si sentono Starsky e Hutch – hanno pure una Mustang rossa bellissima – ma in realtà fanno apparire il QI di Coliandro pari a quello di Marie Curie fotografano un boss (con cui è colluso il loro capo) che quindi è costretto a cambiarsi i connotati. Per far questo fa rapire due chirurghi plastici. Ma c’è un equivoco, e la sua faccia prende le fattezze di quella di Peppino Di Capri. E da qui scaturisce un fuoco di fila di situazioni comiche. Con Lillo, Greg, Giulia Bevilacqua, Francesco Mandelli, Paolo Ruffini, il succitato interprete di Champagne, Roberta, Saint Tropez e mille altre canzoni che hanno fatto la storia della musica leggera italiana, tanti noti e validi caratteristi, Michela Andreozzi e Antonella Clerici: Natale col boss ha un mood che per certi versi ricorda Song ‘e Napule, e se certo non ha sempre toni preraffaelliti, né tantomeno si cimenta in approfondite esegesi in merito alla filosofia tomistica, francamente è esilarante.

Standard

Una risposta a "“Natale col boss”"

  1. Pingback: Nastri d’argento – Le nomination | Convenzionali

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...