33 tff

“Hello, my name is Doris”

doris2di Gabriele Ottaviani

Doris Miller ha più di sessant’anni. Ha accudito per tutta la vita i genitori, in particolare la mamma. Che l’ha chiamata così in onore di Doris Day. E che ora è morta. Lasciandola sola a Staten Island con un gattone bianco in una casa soffocata da valanghe di cose di nessun valore, se non affettivo, per lo più conservate compulsivamente nella vana attesa che magari tornino utili, e da una montagna di ricordi e rimpianti, zattere cui aggrapparsi con tutte le forze. Casa sulla quale vogliono mettere le mani il fratello e soprattutto la cognata, come sovente accade simpatica come una metastasi. Fratello e cognata che ovviamente si sono ben guardati dal darle una mano quando aveva bisogno. Loro dovevano fare la loro vita. Tanto c’era Doris a sacrificarsi. A rinunciare a studiare. A rinunciare all’amore. A una vita sua. Per affetto, abnegazione, senso del dovere e di responsabilità, paura. A tirarsi indietro perché gli altri potessero andare avanti. A lei sono rimasti i libri romantici e appassionati, quelle quattro mura che recintano e colmano di senso la sua vita, l’abbigliamento improbabile, un’amica saggia, tenera e burbera (la sempre meravigliosa Tyne Daly), un’occupazione abbastanza alienante come contabile e il disperato desiderio di sognare, oltre ogni ragionevolezza, l’arrivo del suo turno per la felicità. Così, quando sul posto di lavoro, a Manhattan, a un traghetto e un treno di distanza da casa, conosce il nuovo direttore artistico dell’azienda, il giovane e bellissimo John Fremont (Max Greenfield)… Michael Showalter dirige e, insieme a Laura Terruso, scrive Hello, my name is Doris, che chiude la rassegna del 33TFF, un filmetto nel suo genere assolutamente adorabile, esilarante, divertente, carino. E con una protagonista che definire fantastica è riduttivo: è una attrice adorabile Sally Field. D’altronde due Oscar, due Golden Globe e tre Emmy non si vincono certo per caso…

Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...