Cinema, gastronomia, Libri

“Cinegustologia”

Cinegustologia-copdi Gabriele Ottaviani

Marco Lombardi è docente universitario a Napoli, critico per Il Messaggero e Gambero rosso: ha due passioni, il cinema e la cucina. Probabilmente anche molte altre, in realtà, perché è persona brillante, ma al momento sono queste due quelle che ci interessano, perché in collaborazione con Set, bistrot situato di fronte al cinema Lux – la proprietà è la medesima – a Roma, nel quartiere africano (Via Massaciuccoli), ha dato il via a una iniziativa che prende il nome di Cinegustologia, e che trae origine da suoi precedenti lavori. Un’iniziativa gustosa, è proprio il caso di dirlo, anche se può suonare tautologico. Quante volte, in effetti, è probabilmente capitato a tutti noi di associare alla vicenda appena vista sullo schermo aggettivi come dolce, tenero, aspro, duro, usando quindi, forse del tutto inconsapevolmente, una figura retorica che ha fatto la fortuna dei poeti di tutto il mondo e di ogni tempo da quando esiste la lirica, ossia la sinestesia. Usare altri sensi per raccontare un’emozione: in questo caso, il gusto e il tatto. E quindi perché non associare a un film una pietanza? Certo, i gusti sono quanto di più singolare e al tempo stesso indiscutibile esista, e Lombardi ci tiene a precisare che queste sono associazioni stimolate dal suo sentire, dalla sua fantasia: nulla toglie che di fronte a una determinata immagine le reazioni siano addirittura opposte. In questo periodo poi le uscite cinematografiche sono moltissime: è stata dunque fatta una accurata selezione dei film che la multisala Lux, per lo più un cinema storico, di quartiere, di pluridecennale tradizione ma che certo, complice la non enorme disponibilità di parcheggi, raramente attira clienti da zone distanti della capitale, benché ora sia servito dalla linea B1 della metropolitana, programmerà, e per tutto il tempo in cui saranno in sala chi vorrà, presentando il biglietto dello spettacolo, potrà coniugare il gusto del cinema a quello della buona tavola a un prezzo modico. La presentazione di ieri ha avuto il via con una piadina ripiena di rucola, stracchino e peperoncino (saranno tutti piatti veloci, adatti a chi riesce a ritagliarsi una fettina di tempo libero per andare al cinema), associata a Fantozzi, di cui in questi giorni è in programmazione la riedizione: un gusto piccante ma al tempo stesso molle, come la vita della maschera interpretata da Paolo Villaggio, squagliata flaccidamente sulle mille avversità che gli occorrono, non sempre senza sua colpa. Si proseguirà poi con piatti ispirati a Belli di papà, Il secondo tragico Fantozzi (e lì l’amarezza – sono pellicole comiche solo in teoria – e la sorpresa proditoria saranno rappresentate da una punta di wasabi), I Peanuts, Amici miei e Ricomincio da tre (eventi speciali), El club, di Pablo Larraín, e A bigger splash. Comunicazione, emozione, condivisione, convivialità, il banchetto dell’arte e del gusto. Ad maiora, e buon appetito!

Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...