venezia 72

“À paine j’ouvre les yeux”

a peinedi Gabriele Ottaviani

Farah è bellissima, ha diciott’anni, ottimi voti, due genitori amorevoli che si rivedono in lei quando avevano la sua età, ma che, com’è normale che siano, sono preoccuparti per il suo bene, è innamorata di un ragazzo e della musica: non fa niente di male. Vuole solo sentirsi libera. Ma nella Tunisia del duemiladieci, dove basta che il verso di una canzone dal connotato politico, che sia palese o sfumato sotto il velo poetico della metafora, per rischiare di finire stritolati nella morsa di una giustizia che di giusto non ha neanche un grammo. À paine j’ouvre les yeux (Appena apro gli occhi) è un film intenso e struggente, ben diretto e interpretato. Da vedere.

Standard

Una risposta a "“À paine j’ouvre les yeux”"

  1. Pingback: Venezia 72 – Tutti i premi | Convenzionali

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...