Libri

“Cola Ierofani”

cola_ierofanidi Gabriele Ottaviani

A Leningrado arrivarono di mattina presto e vennero alloggiati all’Hotel Drushba, poco distante dalla stazione Finlandia. Di giorno faceva un caldo discretamente umido e talvolta pioveva. La sera e la mattina presto la temperatura si irrigidiva. Cola dovette acquistare un maglione di pessima lana in uno dei negozi per turisti dove si usava solo valuta occidentale. A Kiev era stato sostanzialmente ligio agli appuntamenti della comitiva ma a Leningrado aveva deciso di sdirrazzare e di girare in solitudine per la città.

Cola Ierofani, edito da Città del Sole e scritto da Giuseppe Tripodi, è la storia di carne e politica del militante che dà il nome al libro. Politica perché il sogno della rivoluzione è raccontato nei dettagli: battaglie, impegno, volantini, manifestazioni, lotte per l’uguaglianza sociale che in tante parti d’Italia, nel Novecento, è ancora di là da venire. L’alienazione di cui tanto ha parlato e scritto Marx si fa nemico concreto, tangibile, che ha tanti volti: una sanità pubblica che non funziona, l’obbligo di lasciare la propria terra per cercare un minimo di benessere, ingiustizie, soprusi, angherie, disoccupazione e delinquenza che, con la miseria, prosperano. Eppure c’è un certo romanticismo in quel di Peripoli, estremo sud dello stivale, dove il dolore e la frustrazione cercano compensazione nel sesso, nella passione, negli amori, nel piacere che certo non si attiene ai dettami degli insegnanti del seminario dove Ierofani, cognome sacro ma anima profana, è stato per un certo periodo. Un personaggio, Cola, che davvero, come i più importanti della letteratura, riesce a coniugare in sé più dimensioni, felice sintesi di chiavi di lettura diverse e interessanti. Selezionato per il Premio Berto, il libro, caratterizzato da una prosa semplice, variegata, autentica e intensa, avvolge e coinvolge.

Standard

4 risposte a "“Cola Ierofani”"

  1. Pingback: “Il meteco e il redivivo” | Convenzionali

  2. Pingback: “Il Saltozoppo” | Convenzionali

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...