Libri

“Il maledetto”

9788852060656-il-maledetto_copertina_2D_in_carosellodi Gabriele Ottaviani

Josiah si trattenne a stento dal roteare gli occhi o, alla maniera degli studenti universitari, strascicare i piedi sul nudo pavimento di legno in muta derisione. Si limitò invece a dire, con l’aria di placare un uomo più anziano, molto agitato: “Bene. So abbastanza, signore, da capire che sono ignorante”.

L’acqua cheta fradicia i ponti, si dice, e in effetti un’apparente e superficiale tranquillità non sempre è sinonimo di calma reale: senza stare a scomodare il Winckelmann, con la sua teoria in merito all’armonia dell’arte classica, che non palesa, mediante la sua immagine di bellezza, nessuna delle pur violentissime passioni che ne agitano le profondità, basta pensare, si consenta il tono scherzoso, alla Gubbio di Don Matteo, alla Vigata dello straordinario Montalbano, alla Cabot Cove dell’incantevole Jessica Beatrice Elora MacGill coniugata Fletcher, incarnata sullo schermo dall’unica, sola, meravigliosa e insostituibile Angela Lansbury. Così, un posto che sembra quasi sonnolento in verità può presentare qualche problema quando tocca viverci, e anche grosso. Il New Jersey del millenovecentocinque, e in particolare Princeton, sembrano garantire ai propri abitanti un riparo saldo, solido e sicuro dalle avversità, dai pericoli, dai sommovimenti di massa. E invece, proprio lì, in un’atmosfera da Stephen King ante litteram, e cambiando quel che dev’essere cambiato, naturalmente, succede l’inimmaginabile: una sorta di maledizione demoniaca, che miete vittime tra la fanciulle più in vista della comunità, che è composta anche da membri illustri, le cui figure si intrecciano con le indagini. Joyce Carol Oates non ha bisogno di presentazioni (Notturno, Un’educazione sentimentale, Nel buio dell’America, Acqua nera, Una famiglia americana, Le cascate…), ma forse Il maledetto, edito da Mondadori, è in assoluto il migliore. Da non lasciarsi sfuggire per nessuna ragione.

Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...