Teatro

“Tre passi di donna – Madame Bovary”

Stampadi Gabriele Ottaviani

Tre passi di donna. Dal diciannove al ventidue di marzo, al Teatro Furio Camillo di Roma, vanno in scena quattro spettacoli che mettono al centro il femminile, indagano l’animo delle donne e lo raccontano a chi ha la sensibilità di ascoltare. La prima pièce della rassegna è l’intensa Madame Bovary, classica e immortale, dunque tanto moderna da essere contemporanea, quasi futura, interpretata assai bene da Chiara Favero, per la regia di Luciano Colavero. La casa è persa, a Emma non è rimasto più nulla, men che meno quel nome con cui tutti la conoscono, che non è in realtà mai stato suo. E dire che ha sempre cercato l’identità, la felicità, la fuga dalla noia soffocante attraverso l’acquisto di oggetti, i debiti, gli amanti, il desiderio. Non può forse tutto, il desiderio? Le è rimasto solo un tavolaccio, sul quale si muove come sulla trave fa una ginnasta che ha deciso che quella sarà l’ultima esibizione prima del definitivo ritiro, prima che tutto sia passato, sepolto, dimenticato. E il veleno. Uno spettacolo palpitante, dal ritmo formidabile, scritto benissimo, ben allestito e recitato con vibrante passione e gran talento.

Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...