Libri

“Guardrail” – Eva Clesis

guardraildi Gabriele Ottaviani

C’erano state altre serate come ospite nella villa di Angelica, momenti in cui Davide avrebbe potuto chiamarla in disparte, rientrare con lei nel cerchio delle domande molto molto personali. Bastava un salto a piedi pari, mano nella mano, loro due insieme. Il vero amore, quel punto di congiunzione tra l’eccitazione, il sentimento, la carne e una paura fottuta di sciupare l’incanto per sempre, di spezzare l’incerto equilibrio. Con Davide sarebbe stato diverso, non avrebbe mai barattato i suoi baci per una birra anche perché, splendente com’era, per Alice era il Sole e per farsi toccare le tette dal sole non avrebbe mai chiesto qualcosa in cambio, se almeno questo Dio le avesse concesso di innalzarsi, di arrivare all’altitudine dei suoi raggi. E quando uno dei suoi veri spasimanti si azzardava a chiederle di essere la sua ragazza, Alice per poco non iniziava a menargli dalla rabbia. In quei sette mesi Davide avrebbe potuto chiamarla in disparte per poter spiccare il salto con lei. Ma quella fulgida stella aveva optato invece per uno stato di distaccata immobilità. Prima, c’era stato il video di Angelica, la descrizione che lei aveva fatto ai suoi amici di casa De Caro con aria schifata. Dopo, dal fondo della sua anima costretta a stare a terra l’odio di Alice sarebbe tornato a galla e lei si sarebbe vendicata. All’epoca del video non sapeva ancora come, finché una sera non fu beccata da Fabrizio, l’ultimo ragazzo che avrebbe voluto incontrare nel caos alcolico di una discoteca.

 

Alice in realtà non si chiama nemmeno Alice. Ha il nome della nonna, la peggiore maestra della storia d’Occidente. E quella col peggior nome. Assunzione Maria Addolorata. Una che picchiava gli alunni. Una da cui il figlio è fuggito. Portandosi via un sacco di problemi. Sposando un’inglese. Con cui ha fatto una figlia. E un incidente stradale. Che ha tolto alla bambina, che si era sempre comportata bene, padre, madre e libro preferito. E allora, ha deciso di comportarsi male. Se quello era il premio… A scuola non va, gli altri la considerano il diavolo, l’unica amica o presunta tale che ha fa sembrare leale l’Iscariota. Trapiantata da Asti nel Tarantino, Alice vuole scappare. E incontra un uomo con gli occhiali da sole…

Las Vegas non è solo il nome della città delle luci nel deserto del Nevada. È anche il nome di una casa editrice che pubblica bei libri. Guardrail di Eva Clesis è uno di questi. Perché la giovane autrice scrive benissimo, con una prosa che conquista per il suo ritmo, teso senza essere inutilmente forsennato, per la sua incisività, per la sua autenticità e capacità di raccontare dinamiche verosimili con precisione e cura.

Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...