Libri

“Nella casa di vetro” di Giuseppe Munforte

nellacasadivetrogaffi1Il silenzio in uno spazio indefinito per raccontare la vita dei propri cari, che procede, che si insinua in una quotidianità che non fa parte di te. I sentimenti di quei figli che si vogliono bene, che si amano perché sono tuoi, che ti sono stati affidati e tu li hai accolti li hai accarezzati, abbracciati, confortati, come la loro madre, che fa tutto quello che può ogni giorno. È il punto di vista di un uomo che racconta dall’esterno tutto questo, con forza, animosità, premura, affetto. La vita a volte è crudele, a volte semplicemente ingiusta, ma quell’uomo possiede ancora il loro amore e i loro pensieri. Anzi, forse più di prima. Tu sei lì li guardi e non puoi fare più nulla per loro, salvo continuare ad amarli e continuare a stare acconto a loro in un modo diverso perché non puoi fare più tutto quello che avresti voluto fare per loro: accompagnarli a calcio, andare a prenderli a scuola, assistere alla loro laurea, al primo innamoramento, accompagnarli in aeroporto quando ormai già grandi vanno a vivere all’estero per cercare un destino migliore. Perché tu non ci sei più.

Quello di Giuseppe Munforte è un romanzo di rara delicatezza a leggersi di questi tempi, capace di saper cogliere la vera essenza dei sentimenti primari con perfetta semplicità e allo stesso tempo con grande realismo emotivo. Racconta la perdita in un modo originale e intenso, attraverso una prospettiva ribaltata, che viene narrata con grande malinconia e delicatezza. Nella casa di vetro è stata una bellissima sorpresa: una scrittura impeccabile, forte e intensa, bucolica e commovente, che si insinua sotto la scorza del cuore e rimane lì perché il suo autore ha la rara capacità di penetrare nell’emozione del lettore, nella sua pancia attraverso la capacità di dire quello che è necessario dire. Il testo, sviluppato su due piani temporali, attraverso un unico punto di vista, ovvero quello di Davide, padre e compagno, è avviluppante e totale per la sua straordinaria emotività psicologica e procede attraverso un racconto lieve, ma serrato, laddove più è semplice, più è incisivo nel tono, nella forma, nei fatti narrati. Chiunque ha perso una persona cara ne capirà il valore e l’essenzialità di sguardo. Rientrato fra i dodici concorrenti al Premio Strega, è davvero il libro che manca (e che soprattutto ci sarebbe voluto) nella cinquina finale. Un libro meraviglioso, forse perfino necessario in questo momento della nostra Storia. Sicuramente necessario nel panorama editoriale italiano.

Nella casa di vetro
Autore: Giuseppe Munforte
Casa editrice: Gaffi, 2014
Pagine: 198
Prezzo: 14,90

Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...